descrizione della foto

Diwali: la festa delle luci

partenza 28 ottobre

A partire da: 4.150

INTRODUZIONE

L’eterna lotta: il male contro il bene, il buio contro la luce. E quando è quest’ultima a prevalere, è una vittoria da onorare. È questa la filosofia alla base del Diwali, la “festa delle luci”, una delle celebrazioni più amate e attese in India. Ed è proprio in occasione di questa festa che si dipana il nostro viaggio nello splendido stato del Karnataka, nel sud-ovest del Paese. Un tour che porta alla scoperta di antiche vestigia, tra forti, templi e lussureggianti giardini che raccontano storie ammantante di incanto, segreti e vicende intrise di una spiritualità senza tempo.

28/10/2024
15 giorni

DETTAGLI DI VIAGGIO

15 giorni

Aereo,
Auto

da 10 a 12 persone con tour leader dall'Italia

Hotel Vivanta Surya (5*),
Hotel Taj Savoy Ihcl (4*),
Hotel Royal Orchid Metropole (4*),
Hotel Hoysala Village (3*),
Heritage Resort (4*),
Hotel Krishna Heritage (4*),
The Fern residency (3*),
Lumbinis Grand Hotel (3*),
Hotel Taj Krishna (5*)
o similari

2024

Lun 28/10 - Lun 11/11

15 giorni

Aereo,
Auto

da 10 a 12 persone con tour leader dall'Italia

Hotel Vivanta Surya (5*),
Hotel Taj Savoy Ihcl (4*),
Hotel Royal Orchid Metropole (4*),
Hotel Hoysala Village (3*),
Heritage Resort (4*),
Hotel Krishna Heritage (4*),
The Fern residency (3*),
Lumbinis Grand Hotel (3*),
Hotel Taj Krishna (5*)
o similari

2024

Lun 28/10 - Lun 11/11

LUOGHI DA SCOPRIRE

Celebre per i suoi vasti giardini e i meravigliosi viali alberati, Mysore è tra le più affascinanti città dell’India del Sud. Era la sede dei maharaja della dinastia dei Wodeyar e, oltre a custodire un importante patrimonio storico e architettonico, è oggi la capitale culturale del Karnataka e ospita eventi di fama internazionale. Molti visitatori dediti alle pratiche di yoga e meditazione la scelgono come meta di ritiro per le sue qualità dal punto di vista estetico ed energetico.

Hampi fu la capitale dell’ultimo grande regno indù di Vijayanagar, dal 1336 al 1565. Abitata da circa 500.000 persone, era un centro nevralgico per i commerci e i mercanti vi giungevano da molto lontano per la vendita dei beni preziosi. Il suo vigore ebbe fine quando, nel 1565, un’alleanza dei sultanati del Deccan la saccheggiò e conquistò. Dichiarate Patrimonio UNESCO nel 1986, le rovine hanno conservato tutta la solennità guadagnata nel tempo dalla città, quasi come se il tempo si fosse fermato e, con un po’ di immaginazione, sarà possibile comprendere la grandiosità di questo luogo durante il suo picco più florido.

Incastonata in una gola tra due aspre colline di arenaria, avvolta intorno al lago sacro di Agastya, sorge la città di Badami. Il suo passato glorioso ha lasciato in eredità fortezze, templi rupestri e interessanti incisioni. Fu capitale dell’impero Chalukya tra il IV e l’VIII secolo oltre a essere un importante centro di commerci. Conserva resti archeologici della civiltà dravidica, ma anche testimonianze di potenti dinastie come quella dei Rashtrakuta, dei Pallava e dei Maratha. Da qui si comprende la ragione delle influenze differenti che si notano nell’architettura di alcuni templi. Le possenti pareti di arenaria fanno di Badami anche una meta per gli appassionati di arrampicata.

ITINERARIO

Giorno 1: Italia - Coimbatore

Partenza da Milano Malpensa (da altri aeroporti su richiesta) con volo per Coimbatore con scalo intermedio. Pernottamento a bordo.
Pasti liberi.

Giorno 2: Coimbatore

Arrivo a Coimbatore, accoglienza in aeroporto e trasferimento presso l’hotel Vivanta Surya (5*), o similare. Nel pomeriggio, breve visita di questo importante centro industriale, soprattutto nel ramo tessile. La città ha un clima piacevole dovuto alla conformazione morfologica della zona; le colline circostanti, infatti, rendono miti le temperature rispetto a quelle delle vicine regioni costiere, più umide.
Colazione e cena in hotel. Pranzo libero.

Giorno 3: Coimbatore - Coonoor - Ooty

Al mattino, trasferimento alla stazione ferroviaria di Coonoor e imbarco sul trenino della Nilgiri Mountain Railway, una linea ferroviaria a scartamento ridotto e a cremagliera, costruita dagli inglesi nel 1908 e ancora funzionante, con le sue locomotive a vapore, che ci porterà a Ooty. Sarà emozionante arrivare in città a bordo di questo treno, così come lo sarà passeggiare per un luogo pittoresco come questa stazione di villeggiatura, creata appositamente per le famiglie dei notabili inglesi, per godere il fresco durante le calde estati, circondati da un paesaggio verdeggiante e collinare. In realtà le colline circostanti sono chiamate anche “blue mountains”, poiché durante la fioritura della lavanda acquisiscono una delicata colorazione blu, creando un effetto molto suggestivo. Il Giardino Botanico di oltre 20 ettari che qui sorge, ospita più di 1000 varietà di piante e alberi e un grazioso lago completa questo quadro perfetto. Al termine delle visite trasferimento presso l’hotel Taj Savoy Ihcl (4*), o similare.
Colazione e cena in hotel. Pranzo libero.

Giorno 4: Ooty - Mysore

Al risveglio, ci rimetteremo in marcia alla volta di Mysore, antica capitale dell’omonimo regno. Sistemazione all’hotel Royal Orchid Metropole (4*), o similare e, nel pomeriggio, visita del mercato della frutta e dei fiori. Una vera e proprio tavolozza di colori, immersa nella confusione tipica dei mercati indiani, che sanno sempre coinvolgere gli avventori con la loro atmosfera vivace. Se il tempo lo consente, visita del Chamundeswari Temple, situato circa 15 chilometri fuori città, in cima ad una collina la cui sommità è raggiungibile tramite una scalinata. Il tempio è molto caratteristico, con le sue decorazioni dai toni dorati e giocose scimmie che si arrampicano e saltano in ogni angolo.
Colazione e cena in hotel. Pranzo libero.

Giorno 5: Mysore - Srirangapatanam - Mysore

La giornata di oggi si aprirà con un breve trasferimento nella vicina Srirangapatanam che ospita il Palazzo Dariya Daulat, interessante vestigia di fine ‘700, edificio costruito prevalentemente in legno e ricco di dipinti e murales raffiguranti scene di guerra, disegni astratti e motivi floreali, attorniato da uno splendido giardino.
Rientrati a Mysore, ci dedicheremo alla scoperta di questa affascinante città rinomata per i tessuti, il legno, il sandalo e l’incenso. È qui che si erge l’imponente Mysore Palace, che prende anche il nome di Amba Vilas Palace, edificato in stile indo-saraceno, noto per essere uno dei palazzi più grandi di tutto il Paese, ricco di vetrate, specchi e decorazioni dorate. Altrettanto interessanti e meritevoli di una visita sono il Nandi Bull, un monolite scolpito alto circa 5 metri dalle fattezze taurine, legato alla figura di Shiva, e il Tempio di Chamundeswari che svetta trionfante.
Ma lo spettacolo odierno che animerà le vie di Mysore saranno i festeggiamenti per il Diwali, “la festa delle luci”, volta a celebrare, appunto, la luce che sconfigge le tenebre, il bene che sovrasta il male. Una ricorrenza dal forte contenuto spirituale che vede la città illuminata da candele e diya, piccole lampade tradizionali, mentre processioni, strade e mercati decorati a festa, creano un’atmosfera davvero magica, che si amplifica ulteriormente sul volgere della sera con spettacoli pirotecnici dedicati.
Colazione e cena in hotel. Pranzo libero.

Giorno 6: Mysore - Shravanabelagola - Hassan

Dopo aver goduto a pieno dei festeggiamenti, saluteremo Mysore per partire alla volta di Hassan, città che affonda le sue radici nel XI secolo. Lungo il tragitto, imperdibile una sosta a Shravanabelagola, conosciuta per il Tempio Gomateshwara, o meglio, per l’iconica statua che vi sorge. Un imponente monumento dalle fattezze umane alta quasi 20 metri, risalente a oltre 1000 anni fa. Estremamente importante per il gianismo, è considerata fra le più grandi al mondo e la sua base riporta numerose iscrizioni che citano storie di personaggi e grandi eroi. Ripresa la marcia e raggiunta Hassan, sistemazione presso l’hotel Hoysala Village (3*), o similare. Nel pomeriggio visita di Belur e Halebid che, con i loro templi, sono la testimonianza delle abilità artistiche di chi, per diverse decine di anni, si è adoperato alla loro costruzione e abbellimento. Le sculture che adornano questi templi spaziano da raffigurazioni di donne danzanti ad animali stilizzati, divinità indù e uccelli, tutte affacciate su curatissimi giardini.
Colazione e cena in hotel. Pranzo libero.

Giorni 7-8: Hassan - Hampi

xLa prima di queste due giornate si aprirà con un lungo trasferimento, di circa 8 ore, scandite da soste periodiche. Lungo strada impossibile perdere la visita dei Vinayanagar Temples, altro esempio di quanto fossero pregevoli le doti artistiche e architettoniche dei costruttori di tali meraviglie. Arrivo ad Hampi e sistemazione presso l’Heritage Resort (4*), o similare.
L’indomani ci dedicheremo alle tracce lasciate dall’impero di Vijayanagar, fondato nel 1336 dai fratelli Harirara e Bukka. Ciò che resta di questo glorioso regno, fa di Hampi un museo a cielo aperto, museo purtroppo trascurato per moltissimo tempo, ma ora riportato alla luce e alle dimensioni che merita. Qui, ammireremo il Virupaksha Temple con i suoi santuari e le torri, una delle quali alta ben 50 metri, lo specchio d’acqua noto come “La Piscina delle Regine” dalla forma quadrata e architettonicamente molto interessante, le rovine delle stalle degli elefanti e il Lotus Mahal, edificio avvolto nel mistero in quanto si pensa fosse dedicato esclusivamente alle donne.
Colazioni e cene in hotel. Pranzi liberi.

Giorni 9-10: Hampi - Badami

Partenza per Badami e, all’arrivo, sistemazione all’hotel Krishna Heritage (4*), o similare. Nel pomeriggio ci dedicheremo alla visita questo centro, conosciuto soprattutto per i suoi quattro templi rupestri, scavati direttamente nell’arenaria. Di fronte a questi primi templi, troviamo un bacino idrico costellato di altri edifici sacri dedicati a Vishnu e Shiva, per poi continuare verso le rovine del Forte cittadino, raggiungibili con una camminata in salita, la cui fatica verrà ripagata dalla vista.
Il giorno successivo muoveremo in direzione Pattadakal, non molto lontano da Badami, con il suo sito annoverato tra i Patrimoni dell’umanità UNESCO e interessante per la evidente commistione artistica e architettonica tra gli stili usati nel nord del Paese e nel sud.
Proseguiamo poi per Aihole, dove ritroveremo lo stesso eclettismo, nei numerosissimi templi situati sia dentro che fuori dalle mura. Ritorno a Badami.
Colazioni e cene in hotel. Pranzi liberi.

Giorno 11: Badami - Bijapur

Lasciamo Badami per dirigerci verso Bijapur, a circa 3 ore di distanza. Una volta raggiunta la nostra meta, sistemazione presso The Fern residency (3*) o similare.
Il pomeriggio sarà dedicato alla visita della città, molto interessante dal punto di vista storico, culturale e architettonico. È soprattutto l’architettura islamica ad essere la protagonista, come testimoniato dalle numerose cupole, dai minareti e dalle camere funerarie che vi sorgono. Basti pensare che la tomba del sultano Mohammed Adil Shah di Bijapur è la seconda più grande al mondo, con i suoi 44 metri di diametro sovrastati da una enorme calotta. Al termine delle visite rientro in hotel.
Colazione e cena in hotel. Pranzo libero.

Giorno 12: Bijapur - Gulbarga

Destinazione odierna sarà Gulbarga, che ci accoglierà al Lumbinis Grand Hotel (3*), o similare. Nel pomeriggio visita di questa centro, prima capitale dei Bahamani, iniziando con il Forte, per proseguire poi con la particolare Moschea Jumma Masjid, una delle prime costruite nell’India meridionale. L’architettura di questo edificio religioso è davvero peculiare, viste le 68 cupole che la sovrastano e gli angusti ingressi dai quali i fedeli accedono all’interno. Altro imperdibile luogo legato alla fede islamica è la tomba di Syed Mohammad Gesu Daraz, dove annualmente si incontrano migliaia di devoti, sia mussulmani che indù, e dove la cultura legata ad entrambe le religioni viene coltivata nel rispetto reciproco.
Colazione e cena in hotel. Pranzo libero.

Giorni 13-14: Gulbarga - Hyderabad

Il viaggio sta per terminare, ma non prima di aver visitato Hyderabad; un tragitto di circa 5 ore ci porterà dallo Stato del Karnataka a quello del Telangana, del quale Hyderabad è la capitale. Sistemazione presso l’hotel Taj Krishna (5*), o similare. Il giorno successivo ad attenderci il Forte di Golconda, poco lontano dalla città. Cittadella- fortezza costruita per scopi difensivi ma che, oltre alle mura, svela monumenti e un interessante porticato, oltre ad essere dotato di un sistema acustico decisamente ingegnoso, che consentiva di comunicare dalla parte inferiore della struttura fino alla torre più alta. Rientrando ad Hyderabad, sosta presso le tombe di Qutub Shahi, realizzate in granito nero e sormontate da cupole e archi.
Nel pomeriggio eploreremo Hyderabad. Inizieremo con il Charminar, un magnifico edificio che presenta quattro archi disposti verso i quattro punti cardinali, dominato da minareti alti circa 60 metri. Si prosegue con la maestosa Moschea di Masjid e il Museo Salarjung, che ospita quasi 100.000 pezzi tra oggetti d’arte e libri. Ultima tappa della giornata, sarà il Tempio Birla Mandir che, rispetto alle altre strutture in granito della città, si distingue per il colore chiaro del marmo con il quale è stato costruito.
Colazioni e cene in hotel. Pranzi liberi.

Giorno 15: Hyderabad - Italia

Trasferimento in aeroporto e partenza per l’Italia con volo con scalo. Arrivo nel tardo pomeriggio a Milano Malpensa.
Colazione in hotel.

Le visite potrebbero svolgersi in un altro giorno rispetto a quanto pianificato da programma in base ad eventuali variazione agli orari di apertura dei luoghi d’interesse.

MAPPA

RICHIEDI INFORMAZIONI